Siti archeologici

Tra le strade dell’Acropoli, tra i maestosi templi e le incantevoli agorà si rivivono le emozioni dell’antica Atene, quando la città era la culla della Civiltà e il centro dei commerci.

Acropoli

La roccaforte dell’Acropoli è colma di templi, costruiti ai tempi d’oro di Pericle, e di opere di Fidia, il più grande scultore dell’antichità al quale erano stati affidati i lavori. Oggi è possibile ammirare solamente i resti di queste opere d’arte ma la bellezza e la maestosità di un tempo sono ancora immaginabili. Il sito, infatti, ha subito numerosi oltraggi storici, come bombardamenti e saccheggi. Molte parti del Partenone, ad esempio, sono custodite al British Museum di Londra, nonostante le forti pressioni della Grecia che vorrebbe esporle al nuovo museo dell’Acropoli.

I monumenti più importanti del sito

  • Porta Beulè: l’entrata del sito fu eretta in epoca romana, è fiancheggiata da due torri ed è chiamata così in onore dell’archeologo francese che la scoprì e restaurò.
  • Propilei: impressionante colonnato dorico e ionico, realizzato con il marmo del monte Pentelico, che dava accesso al santuario.
  • Tempio di Athena Nike: raffinato edifico ionico, costruito su una muraglia. Nel museo dell’Acropoli sono esposti i suoi rilievi, tra i quali il fregio “Nike che si slaccia il sandalo“.
  • Partenone: si trova nella parte più alta della rocca e fu costruito su un basamento di un precedente tempio distrutto dai persiani. Questa meraviglia è un capolavoro ingegneristico, la base leggermente bombata e le sue colonne con gli assi verticali inclinati evitano l’impressione che il tempio sia “sospeso nel vuoto”. Al suo interno, inoltre, sono custodite anche le più grandi ricchezze scultoree.
  • Eretteo: si trova a sinistra del Partenone ed era il luogo più sacro dell’Acropoli. Le famose colonne sagomate con figure di donna, le Cariatidi, sono una copia, le originali sono custodite nel museo dell’Acropoli.
  • Nel versante sud dell’Acropoli c’è il teatro di Dionisio, del V secolo e il più antico. A ovest c’è il teatro di Erode Attico, di epoca romana e ancor oggi utilizzato per il Festival di Atene.

Museo dell’Acropoli

Il Museo si trova dietro il Partenone e conserva importanti monumenti come:
il Moscoforo, statua di un giovane contadino che offre in sacrificio il vitellino che ha sulle spalle (Sala II); i cavalieri del periodo arcaico, fra cui quello detto di Rampin, e diverse korè come la Peplofora dal magnifico viso (Sala IV); l’Athena pensosa, famoso rilievo della dea con il capo reclino sulla lancia (Sala VI); le opere del Partenone, tra queste le sculture di Cecrope e della figlia, la metopa raffigurante un centauro che rapisce una donna dei Iapiti e la testa di Iris (Sala VII); gli affascinanti fregi del Partenone, tra i quali le scene dei giovani che conducono i buoi al sacrificio, dei cavalieri, dei portatori di anfore, degli dei Poseidone, Apollo e Artemide (Sala VIII); le Cariatidi dell’Eretteo, purtroppo segnate dal tempo e dagli sfregi (Sala IX);

Agorà

L’ingresso principale si trova in odos Adrianou 24. Era il centro commerciale del tempo, oggi è possibile visitare il portico dei Giganti, il tempio di Efaistieion (detto Theseion) e le sue metope. Dal tempio c’è una splendida vista sul resto del sito. Sulla strada ci sono le enormi statue del portico del teatro di Agrippa.

Agorà Romana

Il suo elemento più famoso è l’orologio di Kyrristos, noto come Torre dei Venti e ben visibile dall’esterno.

Collina di Filopappo

Collina ricoperta di verde dove si trova il monumento funebre del principe siriano. Da qui si gode di un panorama stupendo che arriva fino al Pireo.

Collina delle Ninfe

Ci si trova l’osservatorio della Pnice, IV sec. a.C., luogo di adunanza dell’Ekklesi, l’Assemblea del popolo.

Porta di Adriano e Olimpieion

La porta è del II secolo e separava la città greca da quella romana. L’Olimpieion è il monumentale tempio dedicato a Zeus, ci vollero ben 7 secoli per completare l’opera.

Cimitero del Ceramico

Sommerse nella ricca vegetazione ci sono le antiche, sfarzose e preziose tombe dei ricchi ateniesi.

Informazioni utili

I siti dell’Acropoli, dell’Agorà, dell’Olimpieion e del Ceramico sono raggiungibili grazie a una grande isola pedonale da odos Ermoù (dal cimitero del Ceramico) all’Olimpieion, passando per le vie Apostolou Pavlou e Dionissiou Areopagitou.
L’ingresso è raggiungibile dalle fermate della metropolitana Akropolis o Thissio. È consigliabile andarci di mattina, evitando le ore più calde e le lunghe code all’ingresso. Nel biglietto è compreso l’ingresso al Museo dell’Acropoli, all’antica Agorà, all’Agorà romana, al cimitero del Ceramico e al teatro di Dionisio.

Acropoli
L’Acropoli di Atene è il simbolo della Grecia, dei fasti della sua civiltà classica e il punto di riferimento più significativo della cultura greca. ...
Agora
Il centro dell’attività politica, commerciale, amministrativa, sociale, culturale, religiosa nonché sede della giustizia dell’antica Grecia era ...
Tempio-di-Zeus
Nel cuore di Atene, tra l’Acropoli e piazza Syntagma, si trova il Tempio di Zeus, la più grande struttura di culto di tutta la Grecia antica.
L’Arco di Adriano è una struttura trionfale che si trova vicino a piazza Syntagma proprio tra la ...
Capo Sounion è uno splendido promontorio roccioso che si affaccia sul mar Egeo. A soli 70 chilometri ...
Costruita nel II secolo d. C. a poca distanza dall’Agorà dall’imperatore Adriano, la Biblioteca che ...
Condividi Siti archeologici su
Dati Amministrativi di AtenePeriferia: Attica Prefettura: Atene CAP: ...
In una capitale viva e giovane come Atene, le occasioni e i luoghi dove ...
Atene è il centro della vita gay nella Grecia continentale anche se la ...